La tenuta Radoar si trova a Velturno in provincia di Bolzano, sul “sentiero delle castagne della Valle Isarco”. La tenuta è stata menzionata per la prima volta in documenti risalenti al 1300. Il nome della tenuta Radoar significa “campo rotondo” e il cerchio, simbolo di quest’azienda in cui la siner

MULLER THURGAU

18,20

La tenuta Radoar si trova a Velturno in provincia di Bolzano, sul “sentiero delle castagne della Valle Isarco”. La tenuta è stata menzionata per la prima volta in documenti risalenti al 1300. Il nome della tenuta Radoar significa “campo rotondo” e il cerchio, simbolo di quest’azienda in cui la siner

- +

18,20

- +

Informazioni aggiuntive

Cantina

Annata

Abbinamenti

Antipasti di pesce – sushi e sashimi – pasta al pesce in bianco – formaggi freschi

Vitigni

Regione

Alto Adige

Gradazione

Agricoltura

Descrizione

La tenuta Radoar si trova a Velturno in provincia di Bolzano, sul “sentiero delle castagne della Valle Isarco”. La tenuta è stata menzionata per la prima volta in documenti risalenti al 1300. Il nome della tenuta Radoar significa “campo rotondo” e il cerchio, simbolo di quest’azienda in cui la sinergia tra natura e agricoltura biodinamica raggiunge la sua massima espressione di valore, rappresenta l’approccio della famiglia Blasbichler alla terra: totale, completo, pieno, in continuo moto e in perenne tensione verso l’equilibrio per i viticoltori significa rispetto per l’ambiente e la natura; dal 1997 si pratica la coltivazione biologica, prestando attenzione a sostenibilità e biodiversità. I prodotti biologici vanno dai vini ai distillati, fino ai succhi di frutta. Le viti, alcune vecchie di oltre quarant’anni, si trovano ad un’altezza di 900 metri s.l.m. e sono su di un terreno scistoso e l’elevata irradiazione solare che rendono possibile la viticoltura a quest’altitudine. La lavorazione biodinamica permette all’uva di raggiungere un’ottimale maturità fisiologica. L’utilizzazione di preparati biodinamici, le diverse tisane, l’accurato lavoro agricolo ed una semina diligente, ne fanno, in armonia con le fasi lunari, un’uva speciale. In cantina lavorano accuratamente usando lieviti naturali. I vini che si ricavano, vengono lasciati riposare per nove mesi in botti di rovere e acciaio, prima di essere imbottigliati in estate.
Il muller thurgau si presenta di un giallo paglierino scarico. Al naso dominano note di frutta bianca, soprattutto mela verde e pera; seguono poi sentori di salvia e ginestra e una solida base minerale. Al palato è fine, di grande freschezza e con un finale di buona persistenza.

Experiences around wine

Reset Password